Circolazione venosa e caldo! Cosa fare? ecco i nostri rimedi!

Il Collegio Italiano di Flebologia ci dà alcuni numeri sulla diffusione dei disturbi legati alla circolazione venosa:
1) il 50 – 55 % della popolazione femminile adulta ne soffre, contro il 20 – 30% circa di quella maschile;
2) la presenza delle varici percentualmente non è molto dissimile fra i due sessi (10 – 33% nelle donne; 10 – 20 % negli uomini);
3) uno studio ha stimato che ogni anno ci sono circa il 2,6% di nuovi casi fra le donne ed 1,9% fra gli uomini;
4) il sud del nostro paese ha tassi di incidenza più alti rispetto al nord (circa 1,4 volte in più).

Quali sono le cause?
Nella maggior parte dei casi l’insufficienza venosa cronica ha nell’ereditarietà e nello stile di vita non idoneo le principali cause.
Circa l’85% di coloro che soffrono di varici possono accusare il problema fin dall’adolescenza, proprio perché si tratta di un problema familiare.

Gravidanza e parto fanno la loro parte: dal 10 al 63% delle donne con figli ha problemi di insufficienza venosa a dispetto di un range più ristretto ( 4 – 26%) per le donne senza figli.
Più figli si hanno più il problema si cronicizza!

Le statistiche parlano chiaro, gli interventi di varicectomia sono circa 100.000 all’anno e sono 291.000 le visite per lesioni al sistema venoso.

Alcuni studi pubblicati nel 2007 e 2008ci dicono che l’insufficienza venosa che fattori sia meccanici sia biologici concorrono all’aggravarsi dei disturbi:

– la perdita di elasticità e quindi di tensione delle pareti dei vasi
– la diminuzione della quantità di ossigeno nel tessuto che riveste le pareti di vasi sanguigni e cuore
sono responsabili dell’infiammazione di pareti e valvole.

I vasi diventano più fragili e permeabili e la conseguenza più evidente è l’edema, il gonfiore.

Quando iniziare ad allarmarsi?

I primi segnali di una cattiva circolazione si presentano con:
senso di pesantezza agli arti inferiori, soprattutto se si sta troppo in posizione eretta,
formicolii,
bruciori,
crampi,
prurito e gonfiore soprattutto presente alla sera.

Cosa fare?

L’intervento farmacologico o l’intervento chirurgico dipendono dalla gravità della patologia.
Per un’insufficienza venosa lieve si utilizzano farmaci, integratori e cosmetici cosiddetti flebotonici, che agiscono sui sintomi e svolgono un’azione blandamente preventiva e mirano a migliorare l’elasticità delle pareti dei vasi e sono di solito dei prodotti fitoterapici, a base cioè di prodotti naturali.

I più usati sono a base di antocianosidi contenuti nel:
Rusco, nel Ginkgo Biloba, nella Vitis vinifera, nell’Ippocastano, nell’hamamelis e nella Centella asiatica
Gli antocianosidi svolgono un’azione protettiva e rinforzano le pareti venose; andrebbero fatti nell’arco di un anno almeno due cicli di terapia di due mesi a base di integratori da assumere per bocca e creme o prodotti simili per uso topico.
I cicli di terapia sono in grado di attenuare tutti i sintomi dell’insufficienza venosa.

Molto utile il linfodrenaggio, un tipo di massaggio estetico che favorisce la circolazione e aiuta a combattere la cellulite.
Esiste anche l’idroterapia che si avvale della temperatura (in media 34° centigradi), dei sali disciolti nell’acqua e della maggiore pressione idrostatica esercitata sulle caviglie.

Consigli ed accorgimenti (vedi infografica)

1) combattere in tutti i modi la sedentarietà
2) evitare il sovrappeso e la stitichezza, curando l’alimentazione
3) no a fumo ed alcool
4) se si sta molto seduti è bene alzarsi ogni 20 minuti, non accavallare le gambe, fare dei piccoli esercizi di stretching e usare un poggiapiedi
5) se invece si sta troppo tempo in piedi dondolarsi alternativamente sulla punta e sul tacco delle scarpe
6) le scarpe andrebbero anche scelte in base al tacco (l’ideale è dai 3 ai 5 cm.) e attenzione a scegliere stivali non troppo stretti
7) dormire con le gambe sollevate
8) preferire la doccia al bagno
9) non stare troppo esposti a fonti di calore che sia il sole d’estate o i caloriferi d’inverno!

(credits immagine: http://www.infermieriperlasalute.it)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s