Il lato oscuro del sole

Come preparare la pelle al sole e all'abbronzatura, combattendo i radicali liberi, responsabili di invecchiamento cutaneo con gli antiossidanti

Il richiamo dell’estate giunge lento, pacato e dolce, come la sveglia della mamma prima di andar a scuola. La primavera incalza e il tempo scorre con la sua solita fretta, tipica di chi non si cura di nulla. Quello che fino a qualche giorno fa era un timido raggio di sole, che filtrava tra le tende fino ad illuminare il cuscino, ora comincia pian piano ad acquisire l’energia di cui desideriamo tanto gli effetti sul nostro corpo. Dunque il cambio di stagione ci sta dando i primi avvertimenti per munirci delle giuste difese e per farlo dobbiamo, al solito, conoscere bene il nostro “piacevole nemico”, il sole e i suoi effetti sulla pelle.

Come di consueto oggi vogliamo informarvi sui danni causati dal sole e su una questione che si sottovaluta molto o che addirittura molti disconoscono: è stato scientificamente dimostrato che i raggi UV danneggiano la pelle anche svariate ore dopo l’effettiva esposizione al sole.

La radiazione solare è composta da diversi tipi di raggi ultravioletti:

UVA: sicuramente i meno dannosi tra i tre, causano ustioni ed hanno maggiore capacità di penetrare gli strati della pelle, riuscendo ad attaccarle le cellule deputate alla produzione di collagene, proteina strutturale responsabile dell’elasticità della pelle e della formazione di rughe, causano anche foto-invecchiamento.

UVB: Insieme agli UVA sono responsabili dell’insorgere del pericoloso cancro della pelle, meglio noto come melanoma. Danneggiano direttamente il collagene, causa danni agli occhi, foto dermatiti ecc

UVC: partecipano al danno al collagene e accelerano l’invecchiamento.

INFRAROSSI: scaldano i tessuti alterando la funzionalità cellulare, dilatando i vasi limitano il corretto apporto di nutrienti ai tessuti.

Di contro c’è da riconoscere il ruolo fondamentale che questi raggi svolgono nella produzione di vitamina D, utile al corretto assorbimento di calcio a livello renale e intestinale assieme al fosforo, necessari in processi neuromuscolari e di mineralizzazione ossea, inoltre oggigiorno sono impiegati nella cura di patologie della pelle come psoriasi e vitiligine.

Un’esposizione sregolata a questi raggi o comunque senza le adeguate protezioni, è dunque alla base di semplici scottature e rughe, in un primo momento, ma nel peggiore dei casi anche di melanoma. Un’ esposizione continua sottopone la pelle ad un costante stress ossidativo, generando i famigerati radicali liberi, nient’altro che specie altamente reattive dell’ossigeno capaci di danneggiare le cellule circostanti, compromettendo strutture funzionali, ostacolando la formazione di collagene d elastina, favorendone la degenerazione, causando infiammazioni generalizzate e abbassamento delle difese immunitarie. Questo processo è molto diverso da persona a persona per questo è stata stabilita un classificazione dermatologica definita per “fototipo”, esistono sei classi caratterizzate da una quasi assenza di melanina nella I (soggetti molto chiari, con capelli biondi/rossi) fino alla VI, tipica delle pelli molto scure/nere in cui è altamente concentrata, perciò meno suscettibile ai suddetti danni.

fruit collection
fruit collection

Come di consueto, desideriamo mettere in evidenza quelle che sono le prime forme di sostegno reperibili in natura: le catechine del tè verde, gli acidi grassi omega 3 del pesce, le antocianine e i flavonoidi delle arance rosse di Sicilia, la quercetina delle mele, i polifenoli dell’uva, dei mirtilli e dei lamponi, il licopene del pomodoro, il melograno ecc.

Dunque è bastato prendere spunto dalla natura, per formulare i nostri prodotti, con principi attivi di origine vegetale, atti a incrementare strategicamente le nostre difese:

SOLEcap: integratore alimentare a base di Manganese, Vitamina E-C, che contribuiscono alla protezione dallo stress ossidativi; la Niacina partecipa al mantenimento di una pelle normale; l’olio di ribes nero, ricco di acido gamma linoleico, ha azione emolliente, protettiva ed eutrofica.

OPC ANTIOX: integratore alimentare a base di Vit E-C, proantocianidine da vite rossa, resveratrolo, licopene, il selenio permette la rigenerazione del glutatione, che è il sistema intracellulare più efficace per la rimozione dei radicali liberi, ha anche capacità legante metalli, che vanno così eliminati, favorisce l’attività del collagene e delle funzioni del tessuto nervoso.

I NOSTRI CONSIGLI:

  1. Assumere regolarmente antiossidanti, senza superare le dosi consigliate, anche dopo l’esposizione.
  2. Utilizzare creme protettive con SPF adatto al proprio fototipo ed idratanti doposole. A voi una chicca interessante: pare interessante la regola dell’SPF x 10, tale rapporto ci indicherà approssimativamente il periodo di efficacia del filtro solare (esempio, SPF 15 x 10 = 150 minuti, dunque 2 ore e mezza di protezione) ma attenzione a sudorazione, bagni e docce che richiedono ulteriori applicazioni.
  3. Non assumere farmaci ne applicare profumi, creme fotosensibilizzanti.
  4. Evitare la fascia oraria 11-14, durante cui pare che l’intensità delle radiazioni sia paragonabile a quella del resto della giornata.
  5. Indossare indumenti protettivi come cappello e occhiali.

Ci piace immaginarvi sdraiati sotto ad un ombrellone, tra il tepore della sabbia e il profumo del mare, impegnati a discutere i nostri consigli con familiari ed amici, considerandolo il modo migliore per diffonderli.

Grazie ancora per l’attenzione, lo staff questa volta vi saluta “radiosamente”.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s